Coast to Coast step 11°: from Albuquerque to las Vegas

ilaria bianchi

13 novembre 2012

Albuquerque (New Mexico) – Las Vegas (Nevada) 572 miglia – 9 hours

Dopo una colazione da campioni, siamo pronti per partire in direzione Las Vegas! Le prime tappe che incontriamo sulla Route 66 dopo kilometri e kilometri di strada sono Gallup e Holbrook, che visitiamo molto velocemente. A Gallup non perdiamo la visita al “El Rancho Hotel” un hotel famosissimo ai tempi della Route 66 poiché è stato la casa delle stelle del cinema dal 1930 al 1940 che giravano film western nella zona.

After a breakfast of champions, we are ready to go in the direction of Las Vegas! The first stages on Route 66 after kilometers and kilometers of road are Gallup and Holbrook, that we visit very quickly. We visit “El Rancho Hotel” a very famous hotel because it was the home of movie stars from 1930 to 1940 who ran Western.

 

ilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchi

Durante il tragitto, una volta entrati in Arizona, abbiamo incontrato il Petrified Forest National Park, dove abbiamo trovato un’abbondanza di tronchi pietrificati coloratissimi che esistono da 225 milioni di anni. Il viaggio di 28 miglia attraverso il parco ci ha offerto spettacoli mozzafiato. Le soste più significative sono state Rainbow Forest, Agate House e Blue Mesa per fare delle foto. Parte del Deserto Dipinto si trova all’interno del parco, con dune indurite dalle sfumature rosse, grigie, arancioni e gialle. Questa zona è davvero bella al tramonto e all’alba, quando la terra brilla delle tinte violetto, blu, rosso o dorate.

During the trip, in Arizona we met the Petrified Forest National Park, where we found an abundance of colorful petrified trunks that exist from 225 million years. The 28-mile journey through the Park offered us a breathtaking performances. The most significant stops were Rainbow Forest, Agate House and Blue Mesa to take some pictures. The painted desert is located inside the Park, with dunes hardened red nuances, gray, orange and yellow. This area is really beautiful at dusk and at dawn, when the Earth glows of violet colours, blue, red and gold.

ilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchi

ilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchi

ilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchi

Una volta terminata la visita a questo meraviglioso parco nazionale, ci siamo diretti verso Winslow con l’intenzione di visitare il “Meteor Crater“, un cratere meteoritico largo circa 1.200 metri, profondo 170 che si è generato 49.000 anni fa dall’impatto di un meteorite. Purtroppo abbiamo avuto un pò di ritardo nel percorso e il parco era già chiuso verso le ore 18.00, così dopo aver visitato Holbrook e il suo famoso “Wigwam Motel” ai bordi della Mother Road dove ogni camera e’ costruita a somiglianza dei famosi Teepee indiani. Abbiamo proseguito il viaggio verso Flagstaff.

After visiting this wonderful National Park, we headed toward Winslow with the intention of visiting the “Meteor Crater“, an impact crater approximately 1,200 meters wide, deep 170, created 49,000 years ago by a meteorite impact. Unfortunately we had some delays in the location and the Park was already closed at around 18.00 hours, so after visiting Holbrook and his famous “Wigwam Motel” along the Mother Road where each room is built in the likeness of the famous Indian Teepee. We continued the journey to Flagstaff.

ilaria bianchiilaria bianchi

Flagstaff è la più grande città del nord dell’Arizona e rappresenta un buon punto di ristoro per le visite al Grand Canyon (che noi abbiamo visitato nel 2011 durante un altro viaggio in America, che prossimamente vi racconterò). “The Weatherford Hotel” è uno storico hotel costruito nel 1897 da John W. Weatherford, situato naturalmente sulla Route 66. L’intenzione iniziale era quella di fermarsi a dormire qui per visitare il giorno dopo il Grand Canyon Skywalk, una enorme passerella trasparente sospesa nel vuoto per ammirare il Grand Canyon dall’alto che sporge orizzontalmente per circa 21 metri dal bordo del Canyon, sospesa nel vuoto ad una altezza di circa 1.200 metri (oltre un chilometro!) ma una volta lette le recensioni abbiamo scelto di proseguire direttamente per Las Vegas viaggiando col buio in piena notte.

Flagstaff is the largest city in Northern Arizona, and is a good starting point for visits to the Grand Canyon (which we visited in 2011 during another trip to America, which soon I will tell you). “The Weatherford Hotel” is a historic hotel built in 1897 by John W. Weatherford, located on Route 66. The initial intention was to stop to sleep here to visit the day after the Grand Canyon Skywalk, a huge transparent walkway suspended in a vacuum to see the Grand Canyon from above which protrudes horizontally for about 21 ft from the edge of the Canyon, suspended in the air at an altitude of about 1,200 meters (more than a kilometer!) but once you read the reviews we decided to go directly to Las Vegas travelling with the darkness in the middle of the night.

ilaria bianchi

Las Vegas: un fascio di luce da lontano inizia ad indicarci la strada e veniamo subito catturati dall’atmosfera sublime di questa particolare città. Arriviamo  a “Il Palazzo“, l’albergo che abbiamo prenotato 15 minuti prima di arrivare su Booking.com e una volta lì ci è stata comunicata la notizia di un upgrade, per cui ci è stata assegnata allo stesso prezzo di una camera, una meravigliosa Suite di 200 metri quadri con salotto, tavolo da bigliardo, sala cinema e palestra annessa. Non potevamo crederci, questo è ciò che ti può accadere una volta nella vita! 😉 Dopo una giornata così lunga, ci siamo concessi una rilassante vasca d’acqua calda, una partita a stecca e una partita a poker al casinò!

Las Vegas: a beam of light from a distance begins to show us the way and we are immediately captured by the sublime atmosphere of this unique city. We arrive at “The Palazzo“, the hotel which we booked 15 minutes before arriving on Booking.com and once there it was communicated the news of an upgrade, for which there has been assigned to the same price as a room, a wonderful 200 m² Suite with lounge, billiard table, cinema and gym. We couldn’t believe it, this is what can happen once in a lifetime! 😉 After a long day, we granted a relaxing bathtub hot water, playing cue and play a game of poker in a poker room! 

IMG_5740

ilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchiilaria bianchi

6 thoughts on “Coast to Coast step 11°: from Albuquerque to las Vegas

  1. Ciao Ilaria!!! Come sempre in ogni tuo post c’è qualcosa di incredibile! Sembra sempre di essere lì in quei posti per le tue magnifiche foto (mi ha colpito moltissimo la foto in camera da letto con la vista su Las Vegas) e per ciò che scrivi!! Sei di grandissima ispirazione per i miei itinerari!!! Davvero complimenti per le foto, per i post, per tutto!!! Un bacio!!! Continua così!!! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...